Sbarra all’iniziativa del patronato Inas e Caf Cisl: “Senza la competenza degli operatori Caf e Inas, l’Italia sarebbe un Paese più povero”

 

Grazie a tutti i dirigenti e agli operatori che rendono Caf e Cisl-Inas una straordinaria infrastruttura sociale. Una rete di persone al servizio del prossimo, dei lavoratori, pensionati, famiglie, attraverso una vera presa in carico. Una comunità sindacale che vuole costruire nella responsabilità le fondamenta di un nuovo rapporto tra rappresentanza sociale e benessere diffuso. Senza la competenza, la passione, la militanza degli operatori di Caf e Inas, la Cisl sarebbe un sindacato meno ambizioso e l’Italia un Paese più povero”. Lo ha detto il leader della Cisl Luigi Sbarra, a Roma all’incontro con i dirigenti e i lavoratori di Inas Cisl, Caf Cisl e le strutture regionali e delle Federazioni Nazionali di Categoria della Cisl.

“Vogliamo essere attivi protagonisti del cambiamento, realizzando un più efficace presidio sociale, ricollegando la rappresentanza alle nuove aree della marginalità, tutelando il nuovo lavoro povero, milioni di pensionati in difficoltà e famiglie che chiedono di essere sostenute nell’esperienza della genitorialità e nella cura degli anziani. Possiamo e dobbiamo farlo puntando con ancora più forza e determinazione sull’interazione e sull’integrazione tra Federazioni, Confederazione e Sistema Servizi, di cui Inas e Caf rappresentano la struttura portante”, ha aggiunto.


Giovanna Ventura, Presidente Caf CISL, nel suo intervento ha sottolineato il valore di questa giornata "Importante iniziativa su un tema caro alla CISL: i Congressi e le Assemblee organizzative hanno costantemente tracciato il percorso da seguire per la rete dei servizi.Oggi è interessante fermarsi ad osservare la roadmap di quanto realizzato e le ulteriori sinergie  da realizzare comprendendo il contributo delle federazioni e in particolare dei delegati e agenti sociali FNP”.
Nel corso dei lavori hanno portato le esperienze e buone pratiche dai territori gli amministratori Mirco Santomieri, Caf CISL Abruzzo Molise, Anna Carini, Caf CISl Emilia Romagna e Antonio marrazzio del Caf CISL Puglia.


 

© Riproduzione riservata - 10 Luglio 2024

Ti potrebbe interessare
  • Detrazioni casa per l'estate

    Per chi si sta organizzando per combattere l'arrivo del caldo, ecco un riepilogo delle agevolazioni fiscali per installare o sostituire il condizionatore. Si può recuperare dal 50% al 65% della spesa …

  • 17 giugno prima scadenza per l'IMU 2024

    Un giorno in più per versare l'acconto IMU per il primo semestre 2024: la scadenza ordinaria del 16 giugno è domenica e quindi slitta a lunedì 17

Iscriviti alla Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato
sulle novità fiscali e del mondo Caf Cisl
Iscriviti subito