730 2019: Chi deve farlo, a chi conviene e chi è esonerato. Attenzione alle detrazioni se nel 2018 hai beneficiato di disoccupazione o naspi

Con la consegna da parte dei datori di lavoro del modello CU si apre ufficialmente la campagna fiscale 2019. Entro il 1 aprile i datori di lavoro hanno consegnato a dipendenti e collaboratori il Modello CU (ex modello CUD) che comunica/certifica i compensi che sono stati erogati nell'anno precedente. Invece i pensionati o chi ha percepito indennità di disoccupazione e ha INPS come sostituito d'imposta, già da qualche anno non riceve più il modello cartaceo ma lo può scaricare dal sito dell'Istituto accedendo col proprio PIN,  o più semplicemente rivolgendosi alla sede Caf Cisl più comoda e penseremo noi a scaricare e stamparvi la certificazione.

Se molto spesso si presenta il 730 perché “conviene” e si hanno spese detraibili o deducibili (dalle spese sanitarie agli interessi del mutuo o i vari bonus casa), va ricordato che gli unici contribuenti esonerati sono quelli che da lavoro dipendente e da pensione corrisposti da un unico sostituto d’imposta, o che hanno esclusivamente redditi da abitazione principale o altri fabbricati non locati (esenti imu), o redditi soggetti ad imposta sostituiva con esclusione della cedolare secca (es interessi sui Bot) o ritenuta alla fonte (interessi cui conti correnti).

Ma attenzione: la dichiarazione deve comunque essere presentata se le addizionali all’Irpef non sono state trattenute o sono state trattenute in misura inferiore a quella dovuta, o sono state calcolate in eccesso, e si ha convenienza a presentare il 730 per recuperare il credito.

Ad esempio chi  nel 2018 ha percepito l’indennità di disoccupazione, deve verificare la sua posizione fiscale per la dichiarazione dei redditi: se nel 2018 ha percepito sia lo stipendio che l’indennità, avrà due CU, una del datore di lavoro e una dell’Inps. In questo caso è obbligatorio presentare la dichiarazione dei redditi nel 2019. Se invece nel 2018 ha percepito solo la disoccupazione, può comunque  presentare il modello 730 indicando l’Inps come sostituto d’imposta che effettuerà il conguaglio, ottenendo prima eventuali rimborsi e verificando con i nostri operatori la corretta applicazione delle detrazioni applicate dall’Inps.

I nostri operatori sono a disposizione per aiutare il contribuente a capire se hai avuto una corretta applicazione delle detrazioni se ha convenienza ad elaborare il modello 730.

© Riproduzione riservata - 5 Aprile 2019

Prenota un appuntamento

Prenota un appuntamento

Attraverso il servizio Prenota un appuntamento è possibile fissare un appuntamento con la sede Caf Cisl più vicina a te

Iscriviti alla Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato
sulle novità fiscali e del mondo Caf Cisl
Iscriviti subito