Reddito di Cittadinanza primo giorno con grande affluenza ma nessuna difficoltà

Giovanna Ventura, Presidente Caf Cisl, "oggi gli operatori del Caf Cisl hanno assistito con competenza e professionalità quasi 4.000 famiglie"

Le nostre stedi all'apertura stamattina:

Grande affluenza ma nessun disagio per i cittadini che si sono rivolti al Caf Cisl nel primo giorno utile per inviare le domande per accedere al reddito di cittadinanza. Sono circa 4000 i modelli  compilati oggi nelle nostre sedi, la Sicilia la regione più interessata, con oltre 1.100 domande presentate, seguita Calabria con quasi 600, Puglia 500 e  Campania e Lazio con oltre 300 domande.

Molti anche i cittadini che non avendo l'Isee 2019 l'hanno compilato oggi o hanno preso l'appuntamento per la compilazione e potranno presentare la domanda dalla prossima settimana.

Più di 14.000 gli appuntamenti fissati per la presentazione nei prossimi giorni, con le prenotazioni cresciute costantemente a volumi sostenuti nel corso della giornata sia agli sportelli che tramite il sito e il call center.

“Oggi era prevedibile una grande affluenza, in particolare nelle regioni del sud – dice Giovanna Ventura, Presidente Caf Cisl  - ma a parte qualche coda all’apertura stamattina non abbiamo avuto difficoltà a gestire le richieste, i cittadini hanno capito che non era indispensabile precipitarsi il primo giorno. Solo una parte di chi è passato in sede era già pronto oggi alla presentazione, molti hanno elaborato l’Isee o solo chiesto informazioni su cosa devono fare.  La preoccupazione delle persone che si sono rivolte a noi è di avere accesso al beneficio prima possibile e ci siamo attrezzati per poter rispondere alle richieste su appuntamento entro fine mese, in modo da trasmetterle a Inps in tempo utile per godere del beneficio dal mese di aprile."

 

“Una prima giornata vissuta con la convinzione di aver fatto tutto il possibile per rendere agevole agli italiani il percorso che porta al Reddito di Cittadinanza” questo è il primo commento di Massimo Bagnoli e Mauro Soldini, Coordinatori della Consulta Nazionale dei CAF.

Le macchine organizzative dei Centri di Assistenza Fiscale hanno aperto la stragrande parte dei propri uffici stamattina  avendo preparato gli operatori a reggere l’impatto di migliaia di persone: in realtà l’uso degli appuntamenti, fissati già soprattutto per l’ISEE, ha fatto si che il temuto assalto non ci sia stato: “qualche raro caso di affollamento a Civitanova Marche, Cosenza, Siracusa  e un numero importante di richieste a Milano e a Torino, particolarmente nei CAF dei quartieri periferici – hanno argomentato Bagnoli e Soldini – sono le prime rilevazioni che possiamo comunicare senza avere ancora un dato numerico complessivo”.

Quello che è certo è che le richieste del Reddito di Cittadinanza saranno, dalla mole degli appuntamenti fissati nei CAF, un numero rilevante. Nel corso delle ultime settimane e da questa mattina negli uffici, gli operatori hanno accolto già migliaia di domande o appuntamenti da smaltire nel corso dei prossimi 15 giorni. L’informazione battente di queste ultime ore e l’invito arrivato ai cittadini che già utilizzano l’ISEE dai CAF stessi, produrrà un’attenzione ancora più decisa: “quello che è certo è che le famiglie e il singolo cittadino troveranno strutture in grado di informare, orientare, risolvere e, se è il caso, ammonire sui rischi che si possono correre in caso di dichiarazioni mendaci o parziali – concludono Massimo Bagnoli e Mauro Soldini -  La Consulta Nazionale dei CAF rileverà nel corso dei prossimi giorni i risultati numerici di questa iniziativa del Governo con focus specifici”.

© Riproduzione riservata - 6 Marzo 2019

Ti potrebbe interessare

Iscriviti alla Newsletter

Per rimanere sempre aggiornato
sulle novità fiscali e del mondo Caf Cisl
Iscriviti subito