Vai al contenuto principale
News

Le scadenze fiscali di luglio: 730, Redditi e Imu/Tasi

Prima delle vacanze riepiloghiamo gli adempimenti che concludono la campagna fiscale 2017 per lavoratori e pensionati.
E' ormai ufficiale la scadenza per il modello 730 il 22 luglio (essendo sabato quest'anno sarà lunedì 24) per chi lo presenta da solo on line o anche tramite Caf e professionisti, che però devono inviare l'80% delle dichiarazioni all'Agenzia delle Entrate entro il 7 luglio.
Se c'è ancora qualche settimana di tempo per gli ultimi ritardatari, la maggior parte dei contribuenti ha già presentato la dichiarazione e quindi per loro la prossima tappa è il conguaglio.
Ricordiamo allora che per i lavoratori avverrà con la busta paga relativa al mese di luglio e per i pensionati con la pensione di agosto, ma potrà slittare al mese successivo per chi ha presentato la dichiarazione tra fine giugno e nel mese di luglio. Entro fine anno arriverà il rimborso Irpef anche a chi non ha il sostituto d'imposta e riceve il rimborso direttamene dell'Agenzia delle Entrate. In caso di controlli preventivi sul modello da parte dell'Agenzia delle Entrate, l'eventuale rimborso avverrà comunque entro sei mesi dalla data di presentazione della dichiarazione.
Per chi presenta invece il Modello Redditi 2017 (l'ex modello Unico) c'è tempo fino al 30 settembre, attenzione però all'acconto Irpef: per gli importi superiori a 257,52 euro la prima rata pari al 40% dell'importo, andava versata entro il 16 giugno. La prossima data da tenere a mente è quella del 31 luglio per poter beneficiare della maggiorazione "minima" pari allo 0,40 delle imposte per i ritardi che non superano i 30 giorni. L'altra scadenza per Unico è il 30 novembre e riguarda esclusivamente i pagamenti: andrà alla cassa chi versa l' acconto IRPEF unica soluzione (per importi inferiori a 257,52 euro) e chi dopo l'acconto di giugno deve versare la seconda rata pari al restante 60% dell'importo dovuto.
Chi infine non si è ancora messo in regola per Imu e Tasi, ricordiamo che entro il 16 luglio il ravvedimento prevede la sanzione dell'1,5% che sale all'1,67%per chi verserà tra il 17 luglio e il 14 settembre e ancora al 3,75% dal 15 settembre in poi.