Vai al contenuto principale

Contratti di locazione

Registrazione contratti di affitto

Tutti i contratti di locazione e affitto di beni immobili (compresi quelli relativi a fondi rustici) devono essere obbligatoriamente registrati dall'affittuario (Conduttore) o dal proprietario (Locatore) qualunque sia l'ammontare del canone pattuito.

L'unico caso in cui non c'è l'obbligo di registrazione è relativo ai contratti che non superano i 30 giorni complessivi nell'anno.

La registrazione dei contratti di locazione deve essere effettuata entro 30 giorni dalla data di stipula o dalla sua decorrenza (se anteriore) e può avvenire nei seguenti modi:

  • utilizzando i servizi telematici dell'Agenzia, modalità obbligatoria per gli agenti immobiliari e i possessori di almeno 10 immobili, facoltativa per tutti gli altri contribuenti, purché abilitati ai servizi telematici;
  • richiedendo la registrazione in ufficio; in questo caso è necessario recarsi presso un ufficio dell'Agenzia delle Entrate e compilare il modello RLI;
  • incaricando un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.) o un delegato.

I nuovi contratti di locazione devono contenere una clausola con la quale il conduttore dichiara di aver ricevuto le informazioni e la documentazione circa l'Attestazione della Prestazione Energetica dell'edificio (APE). La copia dell'APE deve essere, inoltre, allegata al contratto, fatta eccezione per i casi di locazione di singole unità immobiliari (Dl 145/2013), nel caso di affitto di beni immobili diversi dall'uso abitativo (negozi, uffici ecc). non è invece necessario per l'affitto di box auto, garage, cantine ecc.

Tipologie di contratti ad uso abitativo
  Affitti a canone libero Affitti a canone concordato
    Ordinari A studenti universitari Transitori
Durata 4+4 anni di rinnovo automatico 3+2 anni di rinnovo automatico Da 6 mesi a 3 anni + rinnovo automatico dello stesso periodo alla prima scadenza Da 1 a 18 mesi
Canone Liberamente stabilito nella contrattazione tra le parti Tetto massimo stabilito in accordi territoriali Tetto massimo stabilito in accordi territoriali

Per le locazioni fra privati di immobili a uso abitativo, c'è anche la possibilità di optare per il regime facoltativo denominato "cedolare secca", che prevede il versamento di un'imposta sostitutiva dell'Irpef, delle addizionali (per la parte derivante dal reddito dell'immobile), nonchè delle imposte di registro e di bollo, ordinariamente dovute sul contratto di locazione.